close

News

22/10/2013

Contributi per la formazione aziendale
Contributi formazione aziendale con il nuovo Avviso Fapi che supporta le imprese e i lavoratori per l’implementazione di interventi formativi, attraverso il finanziamento di interventi di sviluppo delle competenze a sostegno della competitività e dell’innovazione, del lavoro e dell’occupazione.

Previste due linee di finanziamento:

Linea A – Occupabilità:

Piani formativi “a sportello” mirati all’aggiornamento e alla creazione di nuove competenze dei lavoratori di aziende in crisi che ricorrono agli ammortizzatori sociali, trovandosi in condizione di sospensione dal lavoro e/o riduzione dell’orario.

Linea B – Adattabilità:

Piani formativi “a sportello” a sostegno della riqualificazione professionale dei lavoratori in capo ad aziende che in attuale o superato stato di crisi abbiano avviato programmi di riorganizzazione interna con conseguente qualificazione e e/o di innovazione di prodotto o di processo a seguito dell’introduzione di processi di innovazione tecnologica, organizzativa e di prodotto.

Possono presentare domanda di ammissione al contributo finanziario del FAPI:

a) Imprese o Consorzi di Imprese che alla data di presentazione del Piano siano aderenti cioè iscritte al FAPI e che si impegnino a mantenerne l’iscrizione per almeno 24 mesi a far data dalla dichiarazione stessa, pena la revoca del contributo.

b) Enti di formazione e/o agenzie formative accreditate presso la Regione di pertinenza del Piano, su incarico formale delle Aziende beneficiarie. L’accreditamento dovrà essere documentato a mezzo di dichiarazione sostitutiva

c) Associazioni temporanee di impresa (ATI) o di scopo (ATS) fra i predetti soggetti, alle quali possono aderire le Università pubbliche e private, gli Istituti di Istruzione Superiore. In tal caso il titolare responsabile del Piano e del contributo finanziario FAPI è il capofila dell’ATI/ATS che dovrà essere accreditato presso la Regione di pertinenza del Piano.

TORNA INDIETRO